Palermo, due punti persi però...

Rosario Carraffa, giornalista, Direttore di TuttoPalermo.net, conduttore del programma "Today Sport" su RTA, inviato di RMC Sport e autore del libro sulla storia dei derby. Ospite in diversi programmi
27.10.2018 01:40 di Rosario Carraffa  articolo letto 608 volte
Rosario Carraffa
Rosario Carraffa

Il Palermo senza nessun dubbio nel match giocato contro il Venezia allo stadio "Renzo Barbera" ha perso due punti, pareggiando per 1-1, in una gara dominata dall'inizio alla fine, lasciando poco spazio ai propri avversari. Come già anticipato da TuttoPalermo.net, i rosanero hanno giocato davanti 6.067 spettatori, che hanno incitato la squadra dall'inizio alla fine del match. Se si considera però come si era messa la gara con l'espulsione diretta, esagerata, di Alexsandar Trajkovski da parte dell'arbitro Ivano Peruzzo e con la rete subita al 59' da Jacopo Segre, il pareggio agguantato solo al 89' con Aljaz Struna, si potrebbe considerare come un punto guadagnato. La compagine allenata da Roberto Stellone ha avuto il 59% di possesso palla contro il 41% della squadra arancioverde ed ha tenuto il pallino del gioco creando tanto, ma non essendo cinica sotto la porta avversaria. Si dovrà lavorare proprio su questo, perché è impossibile creare tanto ed alla fine mettere a segno solo una rete, dopo aver messo per grandi tratti alle corde i propri avversari. Il Palermo ha mosso la classifica salendo a quota 15 punti, perdendo una grossa occasione però di mettere apprensione al Pescara che si trova al primo posto. I rosanero in 8 gare, hanno vinto 4 gare, pareggiato 3 reti e perso una gara. Le reti realizzate sono 13, mentre 8 sono quelle subite. Ora il prossimo avversario sarà martedì sera, con inizio alle ore 21:00, allo stadio "Sandro Cabassi", il Carpi che questa settimana sta usufruendo del turno di riposo, squadra che si trova a 5 punti in classifica in 8 gare disputate. Sono previsti alcuni cambia da parte di Stellone e molto probabilmente si vedrà la squadra che ha vinto contro il Lecce. Parola d'ordine: tornare a vincere!