Palermo, rischi di buttare tutto alle ortiche

18.04.2018 00:00 di Rosario Carraffa  articolo letto 703 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Palermo, rischi di buttare tutto alle ortiche

Il Palermo non vince più, con il pareggio ottenuto in casa del Cittadella, come già anticipato da TuttoPalermo.net, a reti inviolate, sono tre i pareggi consecutivi, dimostrando di non essere più la squadra del girone di andata. E' vero che ci sono diverse defezioni e che il tecnico Bruno Tedino, non ha potuto contare mai sull'intera rosa a disposizione, però manca un gioco che possa permettere ai propri attaccanti di provare ad impensierire le retroguardie avversarie. Nella gara contro il Cittadella si è registrato un solo tiro degno di nota contro la porta avversaria effettuato da parte di Mato Jajalo, con una parata da parte di Alberto Paleari, poi più niente. Una squadra che vuole ottenere la promozione in Serie A diretta deve fare qualche cosa di più, mettendo sotto pressione qualsiasi avversario, facendo vedere un buon gioco, così purtroppo non è da troppe gare a questa parte dove i rosanero spesso non riescono a creare azioni offensive degne di nota. "Chiunque può sbagliare; ma nessuno, se non è uno sciocco, persevera nell'errore" (Cicerone). Dovranno cambiare registro e tornare a vincere se non vorranno buttare tutto alle ortiche dopo aver concluso il girone di andata al primo posto in classifica. Ormai solo il secondo posto rimane disponibile, visto che l'Empoli è ormai ad un passo da conquistare ufficialmente il primo posto. Per la seconda piazza quasi sicuramente si giocherà fino alla fine tra Palermo, Frosinone e Parma, con il Perugia che sta alla finestra. La compagine allenata da Tedino nel prossimo match casalingo contro l'Avellino, non potrà che vincere se vorrà dimostrare di meritare la Serie A e di dare un segnale di speranza al proprio pubblico considerando le poche gare che rimangono ancora da giocare da qui alla fine del campionato cadetto.