Palermo, si vince anche al Barbera

Rosario Carraffa, giornalista, Direttore di TuttoPalermo.net, conduttore del programma "Today Sport" su RTA, autore del libro: "La grande storia dei derby Palermo-Catania e ospite in diversi programmi
16.12.2017 19:00 di Rosario Carraffa  articolo letto 322 volte
Rosario Carraffa
Rosario Carraffa

Il Palermo ha battuto per 1-0 la Ternana, con la rete al 3' della prima frazione di gioco, messa a segno da Andrea Rispoli, come già anticipato da TuttoPalermo.net, allo stadio "Renzo Barbera". Una vittoria importante e meritata che è arrivata davanti al proprio pubblico. Se la squadra allenata da Bruno Tedino continuerà su questa strada difficilmente il traguardo della promozione non arriverà. I rosanero visti in campo hanno tenuto le redini del match per quasi tutta la gara, dimostrando la propria forza in campo e soprattutto si è visto ancora una volta lo spirito di gruppo coeso, importante per ottenere traguardi prestigiosi. Con il recupero di alcuni giocatori che sono attualmente fuori a causa di infortuni, il Palermo potrà senza nessun dubbio prendere il largo e portare a compimento prima del tempo il traguardo iniziale. Nonostante le diverse assenze Tedino è riuscito quasi sempre a fare dare il massimo ai propri ragazzi, dimostrando di essere davvero un ottimi tecnico e che la scelta iniziale da parte della dirigenza di Viale del Fante, è stata più che mai azzeccata. Ancora mancano diverse gare e niente è stato ovviamente ottenuto, però la strada è quella giusta e solo lavorando e giocando come stanno facendo potranno arrivare per il popolo rosanero tante altre soddisfazioni in questa stagione targata 2017/2018. "Soltanto una cosa rende impossibile un sogno: la paura di fallire" (Paulo Coelho). Il Palermo sicuramente non ha paura di fallire, perchè conosce la propria forza e gioca ogni partità con umiltà non sottovalutando mai i propri avversari, cosa fatta vedere in queste ultime giornate di campionato cadetto. Tedino ha il merito di fare tenere sempre alta la tensione ai propri giocatori, cosa importante per la Serie B, dove non esistono gare facili.