Palermo, Accardi: "Non potevo andare via. Mi sento spesso con Bellusci"

08.02.2020 15:55 di Aldo Sessa   Vedi letture
© foto di Aldo Sessa/TuttoPalermo.net
Palermo, Accardi: "Non potevo andare via. Mi sento spesso con Bellusci"

Andrea Accardi, difensore del Palermo, è stato intervistato dal Corriere dello Sport. Ecco quanto evidenziato da TuttoPalermo.net: "Chi mi conosce sa che darei il sangue per questa maglia. Quando mi sono rotto il naso ho preferito rimanere in campo, ma non l’ho fatto per prendermi meriti. Anzi ci ho anche rimesso. Rimanere senza lavoro no, perché in un modo o nell’altro qualcosa l’avrei trovata. I miei procuratori Claudio Vigorelli e Francesco Salerno mi avevano già detto che c’erano richieste da B e C, ma volevo aspettare il Palermo. Sono un malato tifoso del Palermo. Non potevo andare via. È una sensazione unica già solamente indossare la maglia rosanero, figurarsi portare la fascia. È stato emozionante. Mi piace dare l’esempio e trascinare il gruppo. Il vecchio Palermo? Mi ha fatto crescere, ho conosciuto un gruppo fortissimo che ha raccolto meno di quello che meritava e persone meravigliose come La Gumina e Fiordilino, ma anche Bellusci con il quale ci sentiamo quasi ogni giorno. Non mi aspettavo che il vecchio Palermo finisse così. Speravo che qualcuno ci salvasse. Purtroppo siamo stati presi tutti in giro: noi, la città, i tifosi, i dipendenti. Ero deluso e temevo che il Palermo potesse non rinascere in mani serie come invece poi è accaduto”.