Palermo, Coronado: "Trapani mi ha dato tanto, ora voglio fare bene qui. Avrò la dieci, fa piacere essere accostato a Miccoli"

 di Aldo Sessa  articolo letto 251 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Palermo, Coronado: "Trapani mi ha dato tanto, ora voglio fare bene qui. Avrò la dieci, fa piacere essere accostato a Miccoli"

Primi giorni da giocatore del Palermo per Igor Coronado, che si è presentato in conferenza stampa, toccando moltissimi temi, ecco quanto raccolto da TuttoPalermo.net: “Sono contentissimo di essere qua. Abbiamo lavorato bene in questi due giorni. Penso che è poco tempo per conoscere i compagni ma mi sembra un gruppo che ha voglia di lavorare tanto e portare il Palermo dove merita. Il mister fa lavorare tanto con la palla. Io sto facendo di tutto per conoscere i miei nuovi compagni. Ho giocato con Nestorovski davanti, ma abbiamo fatto poco con la palla. Gioco trequartista, ma gioco dove mi chiede il mister. Il giocatore più forte mi sembra Nestorovski. In allenamento ho visto che aiuta molto i ragazzi più piccoli. Dentro il campo sembra molto bravo.  Trapani? Il primo anno mi sono trovato molto bene, il secondo non benissimo. Ora sono contento di essere a qui. Ho conosciuto grandi persone a Trapani, ho grande rispetto per tutti. In granata ha anche giocato con Fulignati e Accardi, sono maturati tantissimo adesso, ma li ho sempre visti lavorare bene. Palermo è una grande società conosciuta in tutto il mondo. Sono qui per dare il mio massimo è tornare in A. Il campionato di serie B è molto difficile. Ho imparato tanto e credo che con il Palermo posso fare bene. Cercherò di dare il massimo per aiutare la squadra a tornare in serie A, ma bisogna guardare partita per partita. I compagni mi stanno aiutando tantissimo. Tedino ancora non mi ha dato consigli, ma lavora tanto. Gli piace lavorare palla al piede, vuole che parliamo con i compagni. Ci incita molto, è uno che vuole lavorare bene. Vuole le cose fatte bene al 100%. Poi se c’è qualcosa da migliorare lui ti chiama e te lo dice. Maglia numero 10? Abbiamo già parlato, sembra che già sia stato deciso. Mi fa piacere essere accostato a lui, ha fatto molto bene al Palermo e mi piacerebbe fare quello che ha fatto lui al Palermo. Guardavo sempre le sue partite in rosanero. Obiettivo personale non ne ho - conclude -  ho quello di squadra e sono qui per dare il massimo al Palermo. Voglio aiutare il gruppo ed il mister. Darò il massimo possibile, sono a disposizione di Tedino. Idolo? Quando ero più piccolo mi piaceva molto Ronaldinho“.