Palermo, De Angeli: "La Società sarà ceduta ad investitori seri. Cifre sui debiti esatte ma ci sono anche dei crediti"

01.03.2019 10:58 di Claudio Puccio   Vedi letture
© foto di Giuseppe Vanella/TuttoPalermo.net
Palermo, De Angeli: "La Società sarà ceduta ad investitori seri. Cifre sui debiti esatte ma ci sono anche dei crediti"

L'Amministratore delegato del Palermo Daniela De Angeli, intervistata dal Giornale di Sicilia, ha fatto il punto della situazione societaria a pochi giorni dalla scadenza della prelazione di Mirri (13 marzo), ecco le sue parole evidenziate da TuttoPalermo.net: "L’idea di assumermi il rischio di essere proprietaria? Eravamo in un tunnel senza uscita, cosa che aveva paralizzato l’attività gestionale e vanificato il lavoro fatto con fornitori e procuratori. Andando avanti così il Palermo sarebbe fallito e i dipendenti hanno chiesto a me e a Foschi di cercare una soluzione. Ci siamo spinti a prendere la Società al solo fine di cederla ad investitori seri e sicuri e siamo sicuri che entro la prossima scadenza sarà fatto. Sport Capital Group? Abbiamo perso due mesi preziosissimi, in cui la Società è rimasta inattiva. Ora invece stiamo risolvendo le pendenze. Zamparini trama dietro le quinte? Assolutamente no, non ci è stata una retrocessione delle quote, ma un vero e proprio passaggio di proprietà. In attesa di un’ulteriore cessione era necessario che qualcuno proseguisse l’attività temporaneamente. Non posso entrare nei meriti del contratto con Mirri, violerei un patto di riservatezza. Non condivido però le affermazioni di Mirri in merito alla congruità del canone per la pubblicità, in caso di promozione i valori sarebbero diversi. I debiti? Effettivamente sono 47 milioni, ma è ovvio che non tutti vadano saldati entro giugno e per completezza sarebbe auspicabile dire anche che la società ha realmente 41 milioni di crediti, di cui 22,8 milioni si riferiscono ad Alyssa e verranno immessi dal nuovo proprietario. Se Mirri non esercitasse la prelazione? Come già detto da Foschi, abbiamo altri potenziali acquirenti e soggetti che hanno manifestato interesse nei giorni scorsi, le notizie divulgate in merito ai debiti creano inutili allarmismi. Se si tratta di York Capital? C’è un patto di riservatezza".