Palermo, Di Ciommo: "Tar? Nostro caso diverso dal Foggia. Le accuse a noi mosse sono infondate"

27.05.2019 20:44 di Aldo Sessa   Vedi letture
© foto di Rosario Carraffa/TuttoPalermo.net
Palermo, Di Ciommo: "Tar? Nostro caso diverso dal Foggia. Le accuse a noi mosse sono infondate"

Uno degli avvocati difensori del Palermo, Francesco Di Ciommo, è intervenuto durante la trasmissione “Zona Vostra” in onda su Trm e ha parlato della situazione del club rosa a pochi giorni dal secondo grado di giudizio. Ecco quanto raccolto da TuttoPalermo.net: "Mancato ricorso al Tar? La questione è tecnica. Il Foggia ha impugnato la delibera del direttivo della Lega B che annulla i playout. Noi eravamo in una situazione diversa, noi dovevamo impugnare la decisione del Tfn, eravamo nell’ambito della giustizia sportiva federale. Potevamo andare solo difronte all’appello federale, non potevamo andare al Tar. Potevamo fare un’iniziativa irriutale per andarci, ma senza presupposti. Abbiamo molte freccie al nostro arco. La Procura Federale si è mossa in grave ritardo. Poi c’è il deferimento di Zamparini, non si può condannare il Palermo per responsabilità diretta se non si è condannato il soggetto che ha posto in essere i reati contestati. Anche nel merito il Palermo non merita questa sanzione. Le accuse mosse sono infondate. Il credito Alyssa non è inesistente, lo dice la Cassazione. Cade un pilastro dell’accusa nei confronti del club. Bisogna esigere una sentenza equilibrata nei confronti di una vicenda complessa ma che trova precedenti nei casi Chievo o Cesena. Ci auguriamo che la sentenza venga ribaltata in toto. Commissariamento? Non seguo in prima persona, ma quanto mi è stato riferito, il cambio di proprietà supera i presupposti di fatto che hanno portato alla richiesta“.