Palermo, Mauri: "Mi piacerebbe giocare di più ma sono sempre a disposizione"

08.01.2020 10:22 di Claudio Puccio   Vedi letture
Palermo, Mauri: "Mi piacerebbe giocare di più ma sono sempre a disposizione"

Il centrocampista rosanero Juan Mauri è stato intervistato da La Gazzetta dello Sport, ecco le sue parole evidenziate da TuttoPalermo.net: "Spero cambi il vento, mi piacerebbe giocare di più. Mi piacerebbe giocare con Martin ma la regola degli under è complicata. Da mezzala ho giocato a Nola, non sarebbe un problema per me. L’allenatore continua a dire che non è una soluzione percorribile? Bisogna chiedere a lui. Io credo che tutti possano giocare insieme, basta sapersi adattare. Rigore di domenica? Prima della partita Pergolizzi mi ha chiesto se me la fossi sentita di calciare e di parlare eventualmente con Ricciardo. Quando l’arbitro ha fischiato sono andato da lui e mi ha detto: 'tiralo tu'. Avrebbe voluto tirarlo Felici, ma una volta che gioco ho detto: 'almeno faccio un gol'. Io ci sono, Pergolizzi sa quello che posso dare, il rigore l’ho voluto tirare anche per ritrovare fiducia in me stesso, visto che in sei mesi avevo fatto soltanto una partita. Segnare è sempre bello, non mi riusciva da tempo, non ricordo nemmeno da quando. Questo è stato più speciale perché c’era la mia famiglia allo stadio, il gol lo dedico a loro. Santana? Non sono abituato a segnare, non sapevo che fare, l’ho visto in panchina e sono corso da lui. Mario per la sua storia, per il suo carisma è un riferimento. Ci sta vicino, s’arrabbia, ci sprona. So come si sente. Futuro? Ho parlato con l’allenatore e con Castagnini, voglio guadagnarmi il contratto per l’anno prossimo, stando fuori non posso fare nulla, ma per il bene del Palermo ci sto. Pensare di andare via? Sinceramente no. Castagnini mi ha detto: 'Tu non ti muovi'. Se centreremo la promozione nessuno si ricorderà di come giocavamo, ma che abbiamo vinto. Tra giocare bene e vincere, io preferisco vincere".