Palermo, Sperandeo: “Se il Palermo non sale in Seria A è finito, fallisce!”

09.03.2019 16:06 di Alessandra Cangialosi  articolo letto 336 volte
© foto di Rosario Carraffa/TuttoPalermo.net
Palermo, Sperandeo: “Se il Palermo non sale in Seria A è finito, fallisce!”

Toni Sperandeo, il noto attore palermitano, è da sempre un grandissimo tifoso del Palermo. In questo momento difficile per la società, raggiunto dai microfoni de Il Corriere dello Sport, ha voluto dire la sua sul club, sulla Serie A, sui tifosi ma anche sul vecchio Presidente Maurizio Zamparini. Ecco le sue parole evidenziate da TuttoPalermo.net:"Il Palermo è una squadra che non diverte, porta a casa risultati e in una situazione di incertezza è molto. Abbiamo commesso lo stesso errore dello scorso anno, ceduto Struna, che in difesa serviva, zero arrivi. Ma nessuno si arrende. Se arrivasse la A io terrei Stellone! Anche se a Palermo nessuno riesce a dimenticare Guidolin e Delio Rossi. Comunque sia, insisto, non si va da nessuna parte senza il supporto dei tifosi. Vedo che è andata perduta la passione. Bisogna andare allo stadio perché se il Palermo non sale in Serie A è finito. Fallisce! A Palermo la squadra è nostra, vogliamo tenercela stretta. Ma con Maurizio Zamparini questa percezione è venuta meno. E’ stato un presidente padrone, è come se volesse sentire il Palermo suo e solo suo! Ha portato la squadra ad alti livelli? Vero. Infatti la svolta in negativo è arrivata dopo. Quando Zamparini ha deciso di non spendere più soldi. Non poteva, non ha voluto? Non lo so e non spetta a me scoprirlo. Ma i giocatori hanno cominciato ad andare via anziché arrivare!” E su un suo possibile acquisto del club rosanero ha poi aggiunto: "Perché non lo prendo io? Me lo hanno anche proposto, ma non si può fare, non ho quei soldi! Semmai ci sarebbe da chiedersi come mai Zamparini ogni tanto si presenti con annunci di cordate e miliardari stranieri, arabi, russi, inglesi eccetera, e non si arrivi mai a una soluzione definitiva. Forse a nessuno interessa davvero una squadra indebitata, forse le condizioni che si pongono per la vendita sono pesanti! Palermo è sempre stata la grande meretrice. Sono passati greci, romani, saraceni, normanni, spagnoli. Facevano il loro comodo e se ne andavano. Ed è così ancora oggi!”.