Palermo, S.Tuttolomondo: "Preoccupato? No controllate la documentazione. La fideiussione è attivata"

25.06.2019 01:25 di Roberto Ospedale   Vedi letture
© foto di Rosario Carraffa/TuttoPalermo.net
Palermo, S.Tuttolomondo: "Preoccupato? No controllate la documentazione. La fideiussione è attivata"

É un Salvatore Tuttolomondo a tutto campo quello che, nella sala stanza dello stadio "Renzo Barbera" ha espresso con foga il suo pensiero sull'eventuale mancata iscrizione al campionato di serie B 2019/2020 del Palermo, ecco quanto raccolto da TuttoPalermo.net: "La fideiussione è stata già attivata, e c’è la pec che lo dimostra. Il documento cartaceo deve arrivare, ma è stato regolarmente pagato, come confermato dalla pec. Per noi non c’è nessun ritardo, perché c’è stato un problema non dipendente da noi, ma da cause di forza maggiore. Sono disturbato, qua c’è tutta la documentazione, noi abbiamo pagato tutti gli stipendi e voglio ricordare abbiamo rilevato il Palermo da una situazione in cui era già retrocesso in Serie C. Voi non potete immaginare quanti documenti bisogna presentare. Abbiamo dichiarato che non ce ne saremmo andati mai via, qual è il problema non lo capisco. Albanese non presente? Non c’è bisogno che ci siamo tutti per effettuare queste operazioni, con lui ci vedremo domani mattina. Vi  rinnovo la mia battuta: mi vedete preoccupato? Ha infine affrontato i temi di queste ultime ore del 24 Giugno ultimo giorno valevole per l'iscrizione al prossimo campionato: "Domani mattina terremo la conferenza stampa al country club alle 9:45 e spiegheremo tutto. Ma vi pare normale che un’istituzione alle 18 di sabato pomeriggio invia una pec con una comunicazione così importante salvo poi rimangiarsi tutto? Precedente Avellino? Per me tutti i precedenti sono consuetudini. C’era il precedente del Palermo in Serie C anche, ma vedete come ce ne siamo usciti?  Dico a Orlando che il Palermo un mese fa era fallito mentre oggi è vivo e vegeto, ha le condizioni per l’iscrizione e gradirei che il primo cittadino e le istituzioni formassero un cordone protettivo attorno a questa squadra".