Palermo, Tedino: "Siamo in emergenza sulla fascia destra. Moreo? Ci manca un attaccante con le sue caratteristiche"

 di Calogero Parrino  articolo letto 287 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Palermo, Tedino: "Siamo in emergenza sulla fascia destra. Moreo? Ci manca un attaccante con le sue caratteristiche"

Sono diversi i temi trattati dal tecnico del Palermo Bruno Tedino ai microfoni di Sky Sport: dall'infortunio di Andrea Rispoli ad una valutazione di Stefano Moreo, probabile nuovo innesto nel parco attaccanti rosanero . Ecco quanto raccolto da TuttoPalermo.net: "Con Rispoli infortunato, c’è emergenza a destra? C’è emergenza in fascia destra, Rispoli ha subito un fallo ed è andato in elongazione l’adduttore con questo trauma che si è trasformato anche in un problema muscolare. Credo che Andrea sia un giocatore che ci metterà meno tempo a recuperare perché ha una tempra e un fisico di un certo tipo. Questa squadra ha comunque dimostrato, anche nelle emergenze, di sapersi comportare bene e per questo motivo non sono per nulla preoccupato anche se sugli esterni abbiamo costruito la nostra squadra. Mercato? In questo momento non abbiamo mai affrontato l’argomento anche perché sono delle difficoltà che possono sicuramente finire entro un mese quindi non credo che se dovessimo saltare un paio di partite. Dobbiamo essere bravi a sopperire a questa emergenza. Nestorovski via? Io sono un umile componente di questa squadra, mi dispiacerebbe tanto anche perché sotto l’aspetto tecnico non si discute ed è anche un valore aggiunto per noi oltre a essere il nostro capitano. Sono comunque molto tranquillo perché non credo proprio che possa andare via, vista anche la voglia del macedone di ottenere la promozione con questo club. Puscas e Calaiò? Sono due giocatori molto capaci ma credo che in questo momento non debba parlare di mercato perché sono molto contento dei ragazzi che ho a disposizione e mi piacerebbe tenere il gruppo solido perché ha meritato sul campo i punti e la possibilità di essere protagonista. Con proprietà e direttore abbiamo deciso di continuare con questo gruppo storico fino al termine della stagione. Moreo? Noi nel reparto avanzato abbiamo sempre avuto delle importanti soluzioni, probabilmente ci mancava un ragazzo con delle caratteristiche di un certo rilievo. Un po’ di struttura in più e un passo importante, quello di Stefano Moreo è un identikit molto preciso per far capire quello di cui avevamo bisogno. Vediamo se lo avremo qui quanto prima, ma in questo momento dobbiamo lavorare su quello che abbiamo, con il quale abbiamo costruito un grande campionato. Paragone con la Juventus per lo scatto finale? Penso che nelle ultime sei partite abbiamo fatto 14 punti e soprattutto abbiamo incrementato ancor di più il rapporto tra il gruppo, lo staff e tutto ciò che ci circonda. Credo che la differenza la faccia un certo tipo di mentalità. Tifosi? Diciamo che non è tanto la qualità ma la quantità quella che ci manca, sarebbe bello avere uno stadio pieno ma è anche giusto rispettare chi la pensa in questo modo”.