Palermo, Bertolo da meteora a protagonista

25.03.2010 13:54 di Giuseppe Piazzese  articolo letto 925 volte
© foto di Federico De Luca
Palermo, Bertolo da meteora a protagonista

Quando era arrivato al Palermo la scorsa estate il presidente Zamparini lo aveva definito un grande acquisto forse ancora più decisivo di quello di Pastore. Si parlava di lui come di un centrocampista di grande tecnica, velocità, capace di occupare tutte le zone del centrocampo e di seguire la azione per inserirsi in zona gol come pochi al mondo. Fino a poche settimane fa invece, Nicolas Bertolo, ex Banfield con il quale era stato eletto miglior giocatore del tornero di  Apertura 2008, era sembrato una meteora di quelle che passando da Palermo non lasciando alcun segno, come al ritorno in Serie A era capitato a un altro argentino, Farìas: poche presenze per lui, una sola da titolare durante la gestione Zenga, e nessuna di queste degna di nota. Poi la svolta: in campo negli ultimi minuti di Palermo-Livorno, ottimo impatto sulla gara con diverse iniziative, una delle quali serve a Miccoli la palla del gol vittoria. Poi ancora uno spezzone contro l'Udinese nel quale nonostante la sconfitta si mette in luce come uno dei migliori andando anche a sfiorare il gol del pareggio. Dopo ancora, e siamo a sabato sera scorso, altro spezzone di gara contro l'Inter: Nicolas entra in campo e mette in difficoltà i nerazzurri con le sue ripartenze. Infine, e questa è storia recentissima, la prima partita da titolare dopo cinque mesi, complice l'emergenza a centrocampo, nella trasferta di ieri sera a Genova. Bertolo si fa notare fin da subito: recupera tantissimi palloni e soprattutto non li butta via, ma al contrario li gestisce benissimo, a volte andando via in dribbilng, altre volte scaricando sui compagni o servendo direttamente le punte. Per la prima volta si è visto un Palermo senza Liverani capace ugualmente di costruire gioco in velocità, e questo è stato sicuramente merito di Nocerino, che da vertice basso si è inventato alcuni lanci al bacio, ma soprattutto di Bertolo, giocatore a tutto campo capace di farsi trovare sempre pronto senza sciupare un pallone. Poi nella seconda parte della ripresa è visibilmente calato fino a esser sostituito, ma del resto si sapeva che non avesse i novanta minuti nelle gambe a causa dello scarso utilizzo. Adesso vedremo se il centrocampista di Córdoba riuscirà a partire da titolare anche quando l'emergenza a centrocampo sarà rientrata. Chissà se il primo rinforzo in caso di approdo alla Champions League sarà proprio lui, intanto di certo sarà un'ottima arma a disposizione per tentare di raggiungerla.