Palermo, pescati dal Thun

05.08.2011 10:18 di Francesco Gioè  articolo letto 1154 volte
© foto di Vincenzo Orlando/TuttoPalermo.net
Palermo, pescati dal Thun

All'indomani dell'amara eliminazione dall'Europa League, le domande tra i tifosi e gli addetti ai lavori del pianeta Palermo sono numerose. Innanzitutto partiamo da un dato di fatto: lo scorso anno il presidente Zamparini aveva tuonato contro l'ex tecnico Delio Rossi per i troppi gol presi a Maribor nonostante il passaggio del turno nel preliminare della medesima competizione; quest'anno al netto di un'eliminazione a dir poco deludente, invece, il patron friulano ha mantenuto un profilo moderato. Potenza dell'esperienza maturata negli anni addietro? Non siamo scontenti di questa linea di condotta, anche se, poste tutte le doverose attenuanti, ci sarebbero già i primi motivi per muovere una critica all'allenatore. Posto che lo staff di Pioli sapeva di dover adeguare la preparazione atletica in funzione di questo doppio confronto, non capiamo perchè la squadra è rimasta sulle gambe in entrambi gli incontri. Nel ritiro di Malles non era il caso di svolgere carichi di lavoro più leggeri per poi mettere lavoro sulle gambe a qualificazione avvenuta? Sia nel secondo tempo del Barbera che in quello di ieri sera, s'è vista una squadra improponibile sotto il piano fisico, troppo indietro rispetto agli avversari. E la differenza ci sembra motivabile solo parzialmente dai diversi calendari italiani e svizzeri. Secondo punto: la sostituzione di Gonzalez. Sostituire un calciatore che ha appena segnato significa togliere dal campo un atleta esaltato dalla marcatura, inoltre sotto il profilo squisitamente tattico, Gonzalez era l'unico contropiedista puro di cui disponeva la squadra e sostituirlo con Zahavi non ci è sembrato azzecatissimo. Per concludere, ci chiediamo perché in assenza di Pinilla non si sia richiamato anticipatamente Hernandez dalle vacanze. Eppure ci risulta che l'Atletico Madrid ha già fatto esordire Forlan, mattatore uruguagio della finale di coppa America, nella sua nuova stagione. Insomma, gli interrogativi abbondano, ma l'unica certezza è che ancora una volta i rosanero sono usciti male e presto da una competizione che pare maledetta. Perchè sudare un campionato intero per raggiungerla, se poi per un motivo o l'altro non si partecipa mai davvero a questa Europa league?