ESCLUSIVA TUTTOPALERMO.NET - Cantante, Lisa: "Non mi aspettavo di vincere 'Ora o mai più'. Il calcio deve rimanere un gioco pulito"

07.07.2018 20:50 di Aldo Sessa  articolo letto 2059 volte
ESCLUSIVA TUTTOPALERMO.NET - Cantante, Lisa: "Non mi aspettavo di vincere 'Ora o mai più'. Il calcio deve rimanere un gioco pulito"

Annalisa Panetta, in arte Lisa, cantante nativo di Siderno (RC) che vanta diverse partecipazioni al Festival di Sanremo e fresca vincitrice del programma Rai "Ora o mai più", ma anche grande appassionata di calcio, è stata intervistata in esclusiva da Rosario Carraffa per TuttoPalermo.net, dove ha parlato di diversi argomenti.

Come reputi la tua esperienza di 'Ora o mai più'? Ti aspettavi di vincere questo programma?

"Assolutamente no. Già aver vinto le prime due puntate è stata per me una grande sorpresa e una gioia immensa. Non avrei mai immaginato che alla fine avrei anche vinto il programma".

Quale è stata l'emozione più grande che hai vissuto in questa esperienza? Sicuramente gli applausi del pubblico saranno stati importanti per te.

"E' stato molto forte, penso che tutto sia partito da li. Già mi ero presentata con la voglia di restituire l'affetto che ho ricevuto in tutti questi anni da parte della gente in maniera smisurata. Grazie a quello poi mi sono sciolta e ancor di più ho deciso di donare tutta me stessa durante la trasmissione nei confronti della gente".

Parlaci un po' del tuo nuovo brano, uscito in questi giorni.

"Il brano C'era una volta è un po' la storia di tutti: rappresenta la voglia di rimettersi in discussione, la paura e la preoccupazione dopo un lungo periodo o dopo una pausa di riflessione. La paura di accomodarsi e non voler più dare tutto quello che serve per riconquistare la persona amata; delle volte succede. E' un richiamo all'attenzione, a quel c'era una volta l'amore, la passione e la voglia di darsi senza risparmiarsi. La canzone si trova già su ITunes, Amazon, Spotify e dal 10 luglio uscirà un doppio cd, dove ci sarà anche il mio in tutte l'edicole con Magazine e con Tv, Sorrisi e Canzoni ".

Tanti ci hanno chiesto che fine avessi fatto: sappiamo di tue diverse esperienze all'estero e comunque hai sempre continuato a lavorare. Forse quando uno si allontana dalla Tv sembra che non faccia niente, ma così non è.

"Sicuramente. Ma a prescindere da questo purtroppo c'è stato un intoppo di salute molto forte, che mi ha portato a concentrare sulla ripresa personale fisica. Ma nel frattempo tutto è proseguito. C'è un pubblico molto vasto che ha seguito me e il mio lavoro sia in Italia che all'estero".

Stai preparando anche dei concerti? Farai tappa in Sicilia?

"Si, posso già dirti che sarò in Sicilia il 22 settembre. Tutte le date saranno pubblicate in questi giorni sui miei social (Facebook, Twitter, Instagram) e arriveremo in diverse città (a Roma il 15 luglio, a Napoli il 20 luglio ad esempio)".

Cosa ti senti di dire del tuo coach Marco Masini?

"Mi ha dato la possibilità di esprimermi al meglio sia in musica che in parole. Con lui ho avuto la possibilità di interpretare dei brani che hanno un gran peso e spessore, cosa che io amo. Per me è stato un onore e un immenso piacere duettare con lui".

Oltre a farti i complimenti per la tua splendida voce, vorrei chiederti se segui anche il mondo del calcio. Tifi qualche squadra in particolare?

"In realtà ne tifo più di una, a volte avversarie tra di loro, il che rende difficile tifare sia per una che per l'altra. Sono per metà calabrese e per metà napoletana, ho vissuto su vari anni in Piemonte ed anche a Parigi. Diciamo che sono divisa su vari versanti. Ci tengo a dire che il calcio è un bellissimo gioco e penso che vada mantenuto pulito, senza trasformarsi in aggressione come spesso accade. E' meraviglioso veder portare in campo da una squadra delle forti emozioni e veder esultare una platea enorme nel momento di un gol".

Cosa pensi del Palermo? Il rosanero è un colore unico, no?

"Beh io sono sempre per la vivacità dei colori, quindi sicuramente si".