ESCLUSIVA TUTTOPALERMO.NET - Ex Rosanero, Bucciarelli: "Situazione assurda a cui non riesco a credere. Tanti campioni passati da Palermo e questo è il risultato. La Serie D è difficile, i giovani sono fondamentali"

29.06.2019 17:40 di Francesco Paolo Palazzo   Vedi letture
ESCLUSIVA TUTTOPALERMO.NET - Ex Rosanero, Bucciarelli: "Situazione assurda a cui non riesco a credere. Tanti campioni passati da Palermo e questo è il risultato. La Serie D è difficile, i giovani sono fondamentali"

L'ex calciatore del Palermo, Fabrizio Bucciarelli di ruolo difensore centrale ha trascorso diversi anni nel capoluogo siciliano in particolare della stagione 1988/1995 (143 presenze condite con 2 goal), è stato intervistato in esclusiva per TuttoPalermo.net dal Direttore Rosario Carraffa, dove ha parlato di diversi argomenti.

Qual è il tuo pensiero sulla situazione attuale del Palermo?

"Guarda ancora non riesco a crederci. Per quel che era arrivato a me fino a qualche giorno fa, sapevo che tutto era tranquillo che l'iscrizione non era in dubbio e invece, ora, nel giro di pochi giorni non si sa nemmeno in che categoria giocherà il Palermo. Fino a qualche anno fa, Zamparini diceva sempre che vendendo i propri gioielli si sarebbe garantita la sopravvivenza del Palermo, ma non mi sembra sia stato così. Mi domando quindi perchè sono passati tanti campioni da fare una squadra da Champions League e ci si ritrova in questa situazione. Vengono tanti faccendieri che vanno toccare la passione dei tifosi, della quinta città d'Italia. Non so proprio che dire".

Molti si chiedono infatti come sia possibile questa situazione, molti parlano di truffa ma i giocatori non hanno ricevuto gli stipendi, com'è possibile?

"Ripeto, tutti i gioielli venduti a peso d'oro sono stati presi in prestito o sono stati venduti bene? Non lo capisco come si sia ridotta così questa società. Io ammiravo Zamparini e chi lavorava con lui ma adesso non riesco a capirci nulla".

Tu conosci bene la serie D, è un campionato difficile?

"Un campionato molto difficile anche dal punto di vista del regolamento. Devi cercare con 5 sostituzioni giovani all'altezza. In campo vanno ragazzi del 1999 uno del 2000 e uno del 2001 quindi devi cercare di avere almeno 4 giovani pronti in campo e 7/8 in rosa".

Parlando di calcio giocato, cosa pensi di questa serie A, Juventus sempre favorita?

"La Juventus sarà sempre la squadra da battere con il Napoli subito dietro che si sta rinforzando e non ha cambiato allenatore. Conte all'Inter può fare la differenza. La Roma è un altro punto interrogativo, si fanno solo conferenze stampa. La situazione di De Rossi è incredibile, non si può arrivare a queste situazioni. A Torino non mi pare accadano queste cose, Buffon è andato via ma non ho sentito polemiche anzi, a quanto pare sta pure tornando. La Roma poteva fare la stessa cosa con De Rossi che poteva essere utile a far crescere i giovani".

In Europa quale squadra italiana può fare bene?

"Sempre la Juventus ad ora. Non vedo altre squadre italiane che possano far la differenza in Champions League ed in Europa League, tranne che possa esserci qualche sorpresa".

Cosa vuoi dire ai tifosi

"Io li ringrazio sempre, ringrazio voi che mi date l'occasione di parlare di questa squadra a cui sono sempre legato. Saluto in particola la famiglia Di Martino specialmente a Giacomo a cui dico di non mollare e la moglie Giusy".