Palermo, Orlando: "La vicenda è surreale... Mirri e Ferrero? Li ho sentiti in questi giorni"

27.06.2019 16:42 di Tutto Palermo Redazione   Vedi letture
Leoluca Orlando
© foto di Rosario Carraffa/TuttoPalermo.net
Leoluca Orlando

Il Sindaco di Palermo in conferenza stampa presso il Palazzo delle Aquile nella lunga conferenza stampa ha rilasciato diverse dichiarazione, ecco quanto raccolto da TuttoPalermo.net: "Processo a Zamparini? Dobbiamo aspettare come finisca la sua storia. Avete seguito tutte le vicende, la comparsa e scomparsa di soggetti incappucciati. Ho ritenuto doveroso mantenere questa posizione. Il calcio non deve essere un luogo di speculazione ed avventure. Ho appreso dalla stampa che c’era un gruppo che voleva acquistare la società, che voleva garantire la permanenza in Serie B, che voleva contestare l’esclusione dai play-off. Ogni volta che leggevo, stavo in contatto con gli organi nazionali, Figc e Lega. Negli ultimi giorni questi nuovi acquirenti, che non conosco e non ho mai incontrato, non hanno presentato quanto necessario per l’iscrizione in B. Ho ricevuto notizie dal presidente Albanese ed attendo a breve le sue decisioni. La vicenda è surreale e non resta che attendere la decisione finale, il 4 di luglio ed il 12. C’è una teorica possibilità di impugnativa. Dalle notizie che ho avuto, confermate da Balata e Gravina, non sembra che la società abbia adempiuto alle obbligazioni per iscrivere la squadra in B. Spero che la situazione si risolva, ma a nome dell’amministrazione comunale farò valere i diritti della città, in attesa di capire come stanno esattamente le cose. Possiamo, però, continuare a sperare. Se non ci dovessimo iscrivere prenderemo le nostre decisioni. Avevamo provveduto alla concessione dello stadio. Sapete che questo impianto era utilizzato di fatto, perché il contratto era scaduto ed era giacente la delibera in Consiglio Comunale per il rinnovo. È uno stadio che è destinato al calcio e sarà concesso a quella società che avrà il riconoscimento delle autorità del calcio. Il momento in cui si dovesse verificare la cancellazione della società dal campionato di B, scatta la normativa prevista che consente agli organi nazionali di consentire alla città di Palermo di poter esprimere una società che gestisca la squadra in Serie D. Ritengo che sia in mio dovere cercare di salvare il salvabile. Quando sarà formalmente possibile, mi atterrò a quello che è previsto. Farò pervenire un’istanza in cui chiederà di poter individuare la nuova società. È una procedura già praticata nei riguardi del Bari. Il calcio a Palermo deve essere praticato al massimo livello possibile. La città procederà all’individuazione dei soggetti con bando pubblico. Provvederò a vari incontri ed a mettere in atto tutti i meccanismi di garanzia per evitare spiacevoli incidenti. Provvederò alla composizione di una commissione di altissimo livello etico e morale per scoraggiare tutti gli avventurieri che vogliono raggirare i cittadini di Palermo. Il progetto dovrà essere senza nessun dubbio la promozione in B nel giro di tre anni, non certamente la sopravvivenza di un anno. Credo che qualunque tipo di altro commento sarebbe superfluo. Resta la volontà di scoprire cosa c’è dietro questa situazione surreale. Terrò una nuova conferenza stampa per far conoscere le nuove commissioni. I soggetti dovranno avere i requisiti di onorabilità e di solidità finanziaria per evitare un nuovo balletto. Non vorrei aggiungere altro. Seguirò con attenzione gli sviluppi della società, vedremo cosa farà e che comportamenti porrà in essere. Ho sentito in questi giorni Mirri e Massimo Ferrero. Mi hanno detto che sono pronti. Vorrei che finisse il tempo delle streghe e degli sceicchi. Dobbiamo obiettivamente volare basso. La concessione dello stadio era conseguenza della sentenza dopo il caos Serie C. Non ho mai avuto rapporti con questi signori. Cosa sia accaduto nelle ultime 48 ore è incredibile che continuo a dire 'come è possibile?'. Fermo restando sinceramente la disperata speranza che si possa sistemare tutto, avremo il tempo di capire cosa sia successo. Per i nuovi proprietari seguirò un inter chiarissimo e trasparente. Ho già parlato con Gravina e Balata e mi hanno confermato che ci conforteranno anche sul piano legale. Farò una conferenza stampa per pubblicare l’avviso. I tempi per il bando saranno senza dubbio molto brevi, penso entro il mese di luglio. Senatore Vizzini presente? Può dare consigli all’amministrazione comunale. La Palermo di oggi è diversa, è più attrattiva. Non ho dubbi che ci possa essere un interesse sportivo di soggetti seri. Partire dalla D è una missione, che può diventare esaltante, carica di un potenziale di miglioramenti. Ai tifosi del Palermo dico grazie e sono orgoglioso del loro comportamento. Credo che la città fosse stanca di subire mortificazioni, forse meglio che sia finita così".