Palermo, Boscaglia: "Non abbiamo ancora fatto niente. Grande maturità"

18.11.2020 17:00 di Davide Raja   Vedi letture
© foto di TuttoPalermo.net
Palermo, Boscaglia: "Non abbiamo ancora fatto niente. Grande maturità"

Roberto Boscaglia, tecnico rosanero, è intervenuto in conferenza stampa dopo la vittoria interna contro il Potenza. Ecco le sue parole raccolte da TuttoPalermo.net: "La partita doveva essere un po' più veloce ma il Potenza giocava molto basso, chiudendo gli spazi. Nel momento in cui abbiamo fatto qualche scorrimento veloce di palla, abbiamo creato loro delle difficoltà. Abbiamo creato tante occasioni e siamo stati fortunati coi cambi. Avevamo bisogno di giocatori che andassero all'uno contro uno. Peretti ha avuto un affaticamento al polpaccio e quindi l'abbiamo sostituito. Il pareggio a Catanzaro ci ha dato fiducia ma anche quello che è successo dopo, Covid compreso, ci ha resi sempre più disponibili l'un l'altro vista la rosa ridotta. Il discorso è semplice: dobbiamo continuare perché questa è la strada che abbiamo intrapreso. Sono molto contento perché nonostante le difficoltà la squadra ha dimostrato grande maturità fino alla fine con la gestione della palla. Non abbiamo mai perso la nostra fisionomia ed abbiamo ottenuto la vittoria. Mi prendo complimenti ma devo ringraziare anche il mio staff professionalmente al top che hanno continuato a lavorare quando eravamo travolti dal virus. I margini di miglioramento ci sono sempre, da ogni punto di vista. Ci mancano ancora giocatori importanti come Somma, Lancini e Santana. Adesso sono rientrati giocatori che ci stanno dando una grandissima mano. Ho parlato con Capuano, allenatore del Potenza, per lui nutro grande affetto e stima. Lavora in una situazione non facile ed ha programmato una partita importante facendoci sudare. Il gol di Luperini è importante soprattutto perché ha fatto vincere il Palermo. Sotto porta ha grandi qualità quindi da lui ci aspettiamo anche questo. Gregorio è tornato dal Covid e quindi questa è una bella iniezione di fiducia. Oggi il mio pensiero va alla partita con la Turris e non alla classifica, non solo per me ma per tutti. Non abbiamo ancora fatto nulla, dobbiamo ancora scalare la classifica perché ci sono squadre molto forti. Non possiamo perdere energie guardando la classifica. Quest'estate abbiamo tracciato una squadra ed avere giocatori duttili ti permette di fare questo. Sono contento di quello che vedo ma non sono sorpreso. Non sarà sempre così perché potrebbero arrivare giornate storte quindi dobbiamo essere bravi in corso d'opera ad adattarci senza perdere il nostro modo di giocare. Non dobbiamo adagiarci sugli allori. I giocatori sostituiti non hanno giocato male e, anzi, devo sempre ringraziarli per la loro disponibilità in questo periodo complicato. Adesso ci riposiamo e pensiamo alle terapie. Posso lavorare tatticamente e non perderemo quello che abbiamo fatto quindi che ben venga questa pausa".