Palermo, si sogna Ilicic ma ad oggi è (quasi) impossibile!

07.09.2022 00:01 di Marcello Scuderi   vedi letture
Palermo, si sogna Ilicic ma ad oggi è (quasi) impossibile!
TuttoPalermo.net
© foto di www.imagephotoagency.it

Josip Ilicic (34) ha rescisso il proprio contratto con l'Atalanta da diversi giorni, grandi saluti e ringraziamenti da parte del pubblico bergamasco che in questi anni ne ha apprezzato le doti ed il talento, adesso è in cerca di una nuova squadra da cui poter ricominciare in questa parte finale della sua carriera. Lo sloveno è rimasto negli anni molto legato a Palermo ed al Palermo, non a caso dopo il fallimento societario fu l'unico ex calciatore rosanero ancora in attività a presentarsi al "Renzo Barbera" per l'amichevole casalinga organizzata da Dario Mirri come avvio del nuovo progetto. Di rimando, il popolo rosanero è rimasto molto legato ad Ilicic, giocatore straordinario, mai una parola fuori posto, per lui ha sempre fatto parlare il campo. Tutti questi dati nella maniera più logica e fluida possibile vanno a convergere in un'indiscrezione di mercato clamorosa: Ilicic potrebbe tornare al Palermo, quella stessa squadra che gli aprì le porte del calcio italiano e in cui potrebbe tornare a chiudere la carriera in un romantico ritorno alle origini visto che, come già anticipato da TuttoPalermo.net, lo stesso calciatore nei giorni scorsi ha espresso la sua volontà di restare a giocare in Italia.

Tuttavia ad oggi questa non risulta una possibilità concreta, si tratta per l'appunto neanche di indiscrezioni ma di suggestioni di mercato. Ci sono vari scogli da andare ad arginare che vanno a complicare questo scenario rendendolo di fatti poco realizzabile. Per prima cosa bisogna pensare all'ingaggio, il calciatore arriverebbe da svincolato ma il suo stipendio si aggirava tra gli 1,2 ed i 1,5 milioni di euro netti a stagione, numeri completamente fuori parametro per la nuova società al suo primo anno, sarebbe un esborso pesante a bilancio in dei conti che, come al solito, alla fine devono quadrare. In secondo luogo ci sarebbe anche da prendere in considerazione che Ilicic ha mercato in Serie A, sulle sue tracce c'è stato il Bologna, ma anche altre squadre nei piani bassi della classifica potrebbero portarlo a casa impreziosendo la rosa con un tassello d'esperienza e qualità. In ultimo ci sarebbe da considerare un piano prettamente tattico: Ilicic nasce trequartista e nell'idea di calcio di Eugenio Corini potrebbe avere difficile collocazione tattica: nel classico 4-3-3 del tecnico non avrebbe spazio e al tempo stesso il giocatore non ha più il passo e l'atletismo per fare scorribande sulla fascia destra come ala invertita, si andrebbe quindi a fare un esborso economico per un giocatore che potrebbe non essere facile schierare nello scacchiere di Corini, a meno di cambio di modulo.

Leggendo quanto sopra risulterebbe impossibile razionalizzare un approdo dello sloveno al Palermo, tuttavia sognare è lecito in quanto, anche se non arriva alcun tipo di indiscrezione al riguardo abbiamo citato in precedenza l'amore che Ilicic continua a nutrire per il Palermo, la Serie B potrebbe essere un buon trampolino da cui riprendere dopo la sua personale pausa e soprattutto potrebbe essere volto e protagonista di uno sperato ritorno in Serie A, cosa sicuramente allettante. In secondo luogo si è parlato a mercato concluso della decisione del Palermo che ha tolto dalla Lista A della rosa, ovvero la lista che comprende i giocatori Over 23, Roberto Crivello, liberando di fatto un posto per un eventuale svincolato da accaparrarsi adesso, a mercato concluso. Tuttavia dalla lista ufficiale diramata dallo stesso Palermo qualche giorno fa risulta che Crivello sia stato comunque inserito nella lista, nonostante sia fuori rosa e di fatto non sarà possibile alla compagine siciliana tesserare altri Over 23, almeno fino a gennaio in caso di qualche cessione. Resta comunque accesa la speranza nel cuore dei tifosi rosanero che sono pronti a riaccogliere Josip Ilicic in squadra ed in città, chissà che alla fine il sogno quasi impossibile, come nelle belle fiabe, non diventi realtà, anche se ad oggi l'ipotesi sembra piuttosto remota.