ESCLUSIVA TUTTOPALERMO.NET - Ex Palermo, Buoncammino: "I rosanero sono un gruppo ben organizzato. Che peccato per Ancelotti a Napoli!"

28.03.2020 16:21 di Davide Raja   Vedi letture
ESCLUSIVA TUTTOPALERMO.NET - Ex Palermo, Buoncammino: "I rosanero sono un gruppo ben organizzato. Che peccato per Ancelotti a Napoli!"

L'ex attaccante del Palermo, Salvatore Buoncammino, che ha giocato e fatto innamorare i tifosi rosanero tra il 1992 e il 1994, totalizzando 60 presenze condite da 11 gol, contribuendo alla conquista dello storico double (Campionato di Serie C1 e Coppa Italia di C) nella sua prima stagione all'ombra di Monte Pellegrino (1992-1993), è stato intervistato in esclusiva da Rosario Carraffa per TuttoPalermo.net.

Il Palermo fino allo stop si trovava primo in classifica in una categoria che non conosceva. Qual è il tuo pensiero su questa nuova società e soprattutto quanto manca il Palermo in Serie A?

"Ricordo le prime dieci partite con altrettante vittorie. Il campionato è difficile e gli stop capitano e ci possono stare, l'importante è riprendere il giusto cammino come hanno fatto i rosanero. Il Savoia preme ma sono sicuro che il Palermo avrebbe mantenuto le distanze. Non si sa se si ricomincia a giocare". 

Secondo te il campionato potrà riprendere o si farà una scelta diversa?

"In questo momento la situazione è difficile. Far riprendere i campionati è una scelta discutibile perché ci sarebbe caos. Se ricominciasse il calcio dovrebbero riprendere a lavorare le aziende e le industrie che hanno altrettanto bisogno di lavorare. Spero che tutto torni alla normalità ma è difficile immaginarlo". 

Tu hai vinto la Serie C1 e la Coppa Italia di Serie C. Cosa serve per vincere in queste categorie?

"La forza organizzativa deve essere alla base. Il Palermo lo vedo ben strutturato, nonostante le critiche all'allenatore. Il campionato bisogna innanzitutto vincerlo, poi si può discutere del resto. Sulla carta i rosanero sono un'ottima squadra". 

Per quanto riguarda la Serie A come pensi che possa andare a finire? Che ne pensi del flop Napoli?

"Per la Serie A gli interessi sono altissimi. La situazione è quella che è. La Lazio mi sembra l'unica squadra che possa reggere il passo della Juventus, mentre non sono molto convinto dell'Inter. Mi dispiace per Carlo Ancelotti che ha riorganizzato la squadra il primo anno e invece la stagione successiva ha toppato nell'organizzazione della squadra. Faceva troppo turnover dal mio punto di vista. Gattuso ha dato al gruppo grinta e forza per ricompattare la squadra e lo si è visto prima che si fermasse il campionato". 

Qual è il tuo pensiero su Paulo Dybala, ex Palermo?

"Dybala è un talento puro. Me lo ricordo quando giocava con Abel Hernandez e Franco Vazquez. A Palermo ce ne sono stati tanti di giocatori fantastici ma lui aveva un piede magico e me lo ricordo quando ha affrontato la Juve Stabia". 

Che ricordi hai di Palermo?

"Palermo è una piazza che mi ha dato tantissimo. Abbiamo vinto il campionato, ci siamo salvati all'ultimo contro il Monza. Per fortuna la coppa è stata ritrovata e ne sono contento. Voglio fare un buon augurio ai palermitani per questo momento difficile".