Palermo, Floriano: "Abbiamo strameritato la promozione. La partita piu difficile a Licata"

05.06.2020 15:53 di Aldo Sessa   Vedi letture
© foto di Rosario Carraffa/TuttoPalermo.net
Palermo, Floriano: "Abbiamo strameritato la promozione. La partita piu difficile a Licata"

Roberto Floriano, attaccante del Palermo, è stato intervistato durante ‘Eleven Home’ sulla piattaforma Eleven Sports, parlando della stagione appena conclusa ma anche del futuro con la maglia rosanero. Ecco quanto evidenziato da TuttoPalermo.net: “Quando ho firmato la mia intenzione è stata da subito di far parte del progetto, quindi non fermarmi alla promozione in Serie C, ma almeno alle Serie B. Poi Palermo è una bellissima città, mi sono trovato bene sin da subito. Spero di restare, semplicemente dalla media spettatori si capisce l’importanza della squadra e della città, la quinta più grande d’Italia. A Palermo ci siamo sempre allenati, abbiamo avuto tutti i giorni un programma da seguire. Cosa ho mangiato? In Sicilia si mangia troppo fritto, ma si mangia bene (ride, ndr). Io non cucino, abbiamo comprato il Bimby. Ho mangiato anche pane e panelle, troppo buono, ma è troppo pesante (ride, ndr). Noi abbiamo voluto sempre continuare a giocare, volevamo tutti finirla questa stagione, purtroppo non è stato così. Abbiamo strameritato la promozione, io sono arrivato a gennaio, ma la squadra dalla prima giornata è stata sempre capolista. La partita più difficile? Sicuramente è stata la sconfitta di Licata. Una partita amara, perché non giocammo così male ma poi addirittura prendemmo gol in contropiede. Io come Miccoli? Sono originario di Lecce, forse è l’unica cosa che ci accomuna (ride n.d.r.) . Non mi posso paragonare a uno come lui, era uno dei miei idoli. Giocatori più forti nel Palermo? Non voglio scontentare nessuno, ma secondo me sono due giovani. Silipo e Felici, sono due ragazzi fortissimi, due giovani validissimi. Per la prossima stagione una squadra che vuole vincere deve migliorare tutti i reparti, in tutti i ruoli c’è bisogno di alternative, oltre la porta, dove abbiamo già un portiere valido. Un nome da proporre dal Bari? A Palermo porterei Antenucci, è un grande campione. È il classico giocatore che servirebbe anche allo spogliatoio, lo ruberei al Bari. Promozione in Serie B? Con una società seria e preparata come questa bisogna crederci. Bisogna avere anche fortuna, ma i presupposti ci sono tutti".