Palermo, intanto ok per lo stadio

Dott. Rosario Carraffa, giornalista, Direttore di TuttoPalermo.net, conduttore del programma in radiovisione "Today Sport" su RTA e radiocronista, inviato di TMW Radio e autore del libro sulla storia dei derby. Ospite in diversi programmi
31.07.2020 00:40 di Rosario Carraffa   Vedi letture
Rosario Carraffa
Rosario Carraffa

Il Palermo anche nella stagione targata 2020/2021 giocherà allo stadio "Renzo Barbera", per la Serie C, Girone C. Ora si aspetta la scelta del nuovo tecnico che dovrà guidare la squadra in una stagione che non sarà per niente facile, dove l'obiettivo dovrà rimanere la promozione in Serie B. Non sarà per niente facile, ma sia la società che tutto il popolo rosanero remeranno dalla stessa parte per raggiungere il traguardo prefissato. La dirigenza rosanero sta lavorando intensamente per portare a Palermo giocatori di esperienza per la categoria, ma anche giovani di valore, provando a trovare il giusto mix che potrà andarsi ad integrare perfettamente con gli attuali giocatori che si trovano in rosa. Attualmente non è possibile esprimere un giudizio esaustivo sulla possibilità o meno di vedere il Palermo protagonista ancora una volta, bisognerà prima vedere chi sarà il neo tecnico e quale sarà la rosa che dovrà giocare in Serie C. "Non ci si guarderà mai abbastanza dal trarre da esperimenti conclusioni affrettate; giacchè è appunto al passaggio dall’esperienza al giudizio, dalla conoscenza all’applicazione, che, come a una stretta, tutti i nemici segreti dell’uomo stanno in agguato; fantasia, impazienza, precipitazione, arroganza, caparbietà, forma mentis, preconcetti, pigrizia, leggerezza, volubilità, o come si vogliano altrimenti chiamare questi nemici con tutto il loro seguito, ci aspettano al varco, e inopinatamente sopraffanno sia l’attivo uomo di mondo, sia lo studioso pacato e apparentemente alieno da passioni". (Johann Wolfgang von Goethe). I dati, in quanto percepiti (reali), sono oggettivi, mentre le teorie, in quanto pensate (ideali), sono soggettive: sono tali (mere opinioni) in quanto ipotecate (più o meno inconsciamente) da preconcetti ideologici o da fattori psichici (simpatie e antipatie). Il popolo rosanero senza nessun dubbio anche nella stagione targata 2020/2021 farà sentire il proprio apporto alla squadra, per provare a vivere un'altra stagione da protagonisti. Ora si aspettano le giuste mosse da parte della dirigenza per costruire una rosa che possa essere davvero all'altezza di lottare per il traguardo promozione sia che possa passare dalla promozione diretta, sia che possa passare dai play-off.