Palermo, Baldini: "Devo far capire ai giocatori che sono in una squadra importante. Ci sono le potenzialità per fare bene"

27.12.2021 16:46 di Rosario Carraffa   vedi letture
Palermo, Baldini: "Devo far capire ai giocatori che sono in una squadra importante. Ci sono le potenzialità per fare bene"
TuttoPalermo.net

Il neo tecnico del Palermo Silvio Baldini, ha parlato in conferenza stampa per la presentazione, ecco quanto raccolto da TuttoPalermo.net: "Il fascino che provo per Palermo mi ha spinto a tornare a Palermo. Tutti gli inverni vengono sempre a Palermo. Sono legato a questa Isola a questa città. Io non mi sono mai allontanato. Dopo 18 anni il destino mi ha dato questa nuova possibilità, cosa che mi affascina molto. Il Palermo ha un buon potenziale e devo capire come mai questo potenziale non si è visto fuori casa. Devo valutare la rosa. La squadra deve amalgamarsi, ho chiesto ad esempio di fare colazione e pranzo insieme, chi non vuole seguire queste regole può farsi da parte. Ho una grande voglia di poter dimostrare ancora il mio valore. Io sono contento di essere tornato e voglio dare tutto per questa squadra. Il mondo è cambiato in 18 anni, però sono tornato per dare il mio contributo, il calcio è cambiato molto, ma il coraggio e le idee sono sempre importanti. Darà alla mia squadra un'identità. Valente? Lo conosco molto bene. Lui ha sempre giocato da esterno alto o ha fatto il quinto di centrocampo. Io l'ho sempre utilizzato da esterne sinistro o destro. Devo valutare tutti i giocatori per provare a fare dare il massimo alla squadra. Io faccio giocare sempre i giocatori più tecnici, perché è importante trovare la via della rete e fare divertire la gente. La cosa importante è giocatore in un certo modo e che si possono migliorare. Valuterà tutto ovviamente. Ci sono diversi giocatori che sono davvero molto competitivi nella rosa del Palermo. Il Palermo è una squadra importante, devono capire questo tutti i giocatori. Il Palermo ha diversi punti di distacco dal Bari che si trova per adesso al primo posto, ma se riusciremo a raggiungerli ed a superarli per noi sarà stata una grande impresa. Dovrò valutare tutti per capire dove potremo arrivare, ma la squadra ha una buona rosa che potrà fare molto bene. Io devo portare la giusta professionalità e far capire che il gioco del calcio è una delle cose più belle della vita. Dovranno avere delle regole anche nella vita privata, perché solo così si possono ottenere i risultati. Ci sarà un mental coach che ci darà una mano per fare capire che tutto dipenderà dalla loro forza mentale e sarà utile visto che ci sono diversità nel giocare in casa ed in trasferta. La diversità tra casa e trasferta non ci dovrà più essere. Silipo? E' un ragazzo che ha grande talento e grandi doti, però deve essere aiutato, sostenuto e capito. Non deve essere mortificato quando non riesce ad esprimersi. Potrà fare la differenza se verrà capito".