Palermo, chi sbaglia paga

25.11.2020 19:26 di Rosario Carraffa   vedi letture
Palermo, chi sbaglia paga
TuttoPalermo.net
© foto di Rosario Carraffa/TuttoPalermo.net

Il Palermo ha perso contro la Turris, come già anticipato da TuttoPalermo.net, nel recupero della sesta giornata di Serie C, Girone C, per 0-1 allo stadio "Renzo Barbera", in una partita molto strana. Per grandi tratti la compagine allenata da Roberto Boscaglia ha tenuto le redini della gara, andando vicina in alcune occasioni alla rete. Un primo tempo sicuramente positivo per il Palermo, dove gli è mancata solo la rete, mentre una ripresa sotto tono, per via anche dei cambi messi in atto dal tecnico Roberto Boscaglia, che ha sostituito tutto il reparto offensivo. Roberto Floriano che era fino a quel punto uno dei migliori in campo è uscito per dare spazio a Nicola Valente, cosa che ha destato fin da subito qualche perplessità. Floriano e Valente non hanno certamente le stesse caratteristiche, essendo il primo più attaccante rispetto al secondo. Il Palermo doveva trovare la via del goal e forse sarebbe stato meglio non rivoluzionare il reparto offensivo, ma magari effettuare solo qualche sostituzione. Il Palermo è in crescita sotto il punto di vista della forma, ma deve essere più cinico sotto la porta avversaria, perchè crea tanto, ma non riesce ad essere preciso sotto la porta avversaria: manca una punta centrale di esperienza che possa mettere a segno almeno 15 reti stagionali. I rosanero hanno sbagliato tanto e la Turris ha punito la compagine siciliana, conquistando la piena posta in palio, in una gara dove senza nessun dubbio il Palermo avrebbe meritato qualcosa di diverso. L'allenatore rosanero dovrà lavorare sugli errori visti nel match contro la Turris, e dovrà farlo in fretta visto che la prossima gara sarà già domenica allo stadio "Renzo Barbera", contro il Monopoli. Il Palermo non potrà più sbagliare, ma dovrà riprendere a vincere per risalire in classifica. "Chiunque può sbagliare; ma nessuno, se non è uno sciocco, persevera nell'errore" (Marco Tullio Cicerone).