Palermo, Mirri: "C'è grande delusione, ma non è ancora un fallimento"

21.01.2021 13:00 di Ivan Tamburello   Vedi letture
Dario Mirri, Presidente
© foto di Rosario Carraffa/TuttoPalermo.net
Dario Mirri, Presidente

Il Presidente del Palermo, Dario Mirri, ha parlato ieri sera in diretta su Trm, durante il programma "La Partita sul 13", sulle ultime prestazioni del Palermo e di futuro, ecco quanto raccolto da TuttoPalermo.net: "Rispondo ai quesiti dei tifosi sottolineando che in questo anno seppur 'particolare', causa emergenza sanitaria da Covid-19, il Palermo ha sostenuto dei costi e degli oneri rilevanti sia per rinforzare al meglio la squadra che per disputare un percorso in campionato da prima della classe. Purtroppo, gli ultimi risultati ottenuti in campo non ci danno molte alibi; vedere per credere la deludente sconfitta rimediata contro la Virtus Francavilla. Il Palermo ha giochicchiato sprecando troppe occasioni sotto porta e non partecipare il prossimo anno alla Serie B sarebbe un danno economico e patrimoniale rilevante. Ad esempio il Bari e il Catania nella loro esperienza passata in Serie C non hanno da subito ottenuto il lascia passare per la Serie B. Questo, però, non deve essere un'attenuante. Sul fronte societario sono fiducioso e sono aperto al dialogo per una possibile trattativa con altri acquirenti che siano disposti a rilevare il 40% delle quote societarie del club. Tali quote, ad oggi, appartengono a Di Piazza. Dunque, sono pronto ad ascoltare qualsiasi offerta che mi venga fatta. Chiunque vorrà parlare con me dovrà avere buoni propositi e dimostrarmelo. Cerchiamo di scacciare via la brutta esperienza degli arabi che portò a Palermo il precedente presidente Zamparini. Palermo è una porta aperta.  E' difficile costruire, ma è più facile distruggere. Vorrei sottolineare che qui nessuno è in discussione nonostante le brutte battute d'arresto in campionato".