Palermo, Filippi: "Tifosi? Giuste le proteste ma spero non smettano di tifare. Corona? Spero possa subentrare in una partita meno tesa"

19.10.2021 13:28 di Davide Raja   vedi letture
Palermo, Filippi: "Tifosi? Giuste le proteste ma spero non smettano di tifare. Corona? Spero possa subentrare in una partita meno tesa"
TuttoPalermo.net
© foto di Rosario Carraffa/TuttoPalermo.net

Giacomo Filippi, tecnico rosanero, ha tenuto una conferenza stampa alla vigilia del match contro la Virtus Francavilla in programma domani sera alle 21:00. Ecco le sue parole raccolte da TuttoPalermo.net: "Bisogna lavorare nel riscatto immediato perché ci sono state amnesie che non ci possiamo permettere perché siamo una squadra esperta. Subire gol allo scadere del primo tempo dopo che avevamo palla noi ci deve far riflettere. Non si può passare da una prestazione determinata come col Foggia ad una del genere. Oggi non mi sento parlare dei singoli elementi come colpevoli, perché ci sono stati errori collettivi. I leader vanno trovati in più reparti, per cui occorre lavorare di squadra. Questa squadra ha fame di vittoria? Ce lo chiediamo anche noi. Abbiamo parlato della metamorfosi tra casa e trasferta ma la risposta che ho io in settimana è positiva. Non possiamo scendere in campo così. Ci affidiamo a cose che non siamo in grado di fare come i lanci lunghi che creano vuoti in mezzo al campo e in difesa. Se vogliamo ottenere obiettivi importanti non può permettersi questa discontinuità. Tifosi che protestano? So che il lavoro che faccio ha questo rischio principale ma io mi impegno per arrivare a risultati con questi colori. Se non arrivano i risultati è giusto che l'allenatore venga messo in discussione ma io devo continuare a fare il mio lavoro. Capisco l'amarezza dei tifosi. Quando ero un allenatore in seconda? Ero atipico, non molto loquace. Davo pacche sulle spalle e qualche sorriso. Mi piace parlare al gruppo sempre davanti a tutti anche quando faccio notare errori singoli. A me piace essere diretto al bersaglio e dire quello che penso. Almici, Valente e Silipo? Sono tutti disponibili grazie allo splendido lavoro dello staff. Dirigenza? Con loro ci parlo sempre, abbiamo parlato della prestazione e ci siamo confrontati. La fiducia? Parla il campo. Non mi sento di accusare i miei ragazzi. Il turno infrasettimanale è un bene per riscattarsi. Le parole di De Rose? Lo spogliatoio è sacro, è loro. Se c'è un problema lo risolvono tra loro, che sia con le carezze o a muso duro ma non vedo uno spogliatoio crepato bensì unito. Corona fa parte del nostro gruppo da tanto, si allena bene e sta benissimo in gruppo. Mi è piaciuta la disinvoltura nonostante il risultato pesante ma può fare molto bene. Speriamo possa giocare anche una partita in cui la tensione sia inferiore. La Virtus Francavilla? Sarà una sfida molto complicata e spero che i tifosi possano spingere la squadra. Se alla fine andrà male è giusto che contestino ma intanto spero che incitino la squadra per vincere la partita. Un allenatore deve porsi delle domande e si deve dare delle risposte, poi il campo dirà la sua".